Gli Indicatori Leading e Lagging Spiegati

Condividi
Copied to clipboard!
Gli Indicatori Leading e Lagging Spiegati
Ascolta questo articolo
00:00 / 00:00

Cosa sono gli indicatori leading e lagging?

Gli indicatori leading e lagging sono strumenti che valutano la forza o la debolezza di economie o mercati finanziari. In poche parole, gli indicatori leading cambiano in anticipo di un ciclo economico o di un trend di mercato. Al contrario, gli indicatori lagging si basano su eventi precedenti e forniscono informazioni sui dati storici di un particolare mercato o economia.

In altre parole, gli indicatori leading (o primari) offrono segnali predittivi (prima che si verifichino eventi o trend), e gli indicatori lagging (o differiti) generano segnali basati su un trend già in atto. Queste due classi di indicatori sono ampiamente utilizzate da investitori e trader che ricorrono all'analisi tecnica (TA), rendendole molto utili nel trading di azioni, Forex e criptovalute

Nei mercati finanziari, gli indicatori per la TA hanno una lunga storia che risale ai primi decenni del XX secolo. L'idea alla base di questi indicatori è radicata nello sviluppo della Teoria di Dow, avvenuto tra il 1902 e il 1929. Essenzialmente, la Teoria di Dow afferma che i movimenti dei prezzi non sono casuali, e possono quindi essere previsti attraverso un'analisi approfondita dei precedenti comportamenti del mercato.

Inoltre, gli indicatori leading e lagging sono utilizzati per mappare le prestazioni economiche. Quindi, non sono sempre correlati all'analisi tecnica e ai prezzi di mercato, ma anche ad altre variabili e indici economici.


Come funzionano gli indicatori leading e lagging?

Indicatori leading (primari)

Come già menzionato, gli indicatori leading possono fornire informazioni su trend che devono ancora emergere. Quindi, questi indicatori possono essere utilizzati per prevedere potenziali recessioni o riprese. Per esempio, in riferimento alle prestazioni del mercato azionario, alle vendite al dettaglio o ai permessi edilizi.

Quindi, gli indicatori leading tendono a muoversi prima dei cicli economici e sono, in generale, adatti per analisi a breve e medio termine. Per esempio, i permessi edilizi possono essere considerati come una sorta di indicatore economico leading. Possono segnalare la futura domanda per manodopera edilizia, e investimenti nel mercato immobiliare.


Indicatori lagging (differiti)

Al contrario degli indicatori leading, gli indicatori lagging vengono utilizzati per identificare trend esistenti, che potrebbero non essere subito evidenti da soli. Quindi, questo tipo di indicatore si muove dopo i cicli economici. 

In genere, gli indicatori lagging vengono applicati ad analisi a lungo termine, basate sulle prestazioni economiche passate o su dati di prezzo precedenti. In altre parole, gli indicatori lagging producono segnali basati su un trend di mercato o evento finanziario già avviato o consolidato.


Indicatori coincidenti

Anche se meno popolare nel contesto delle criptovalute, esiste una terza classe di indicatori degna di nota, conosciuta come indicatori coincidenti. Questi indicatori sono una via di mezzo tra le altre due tipologie. Funzionano quasi in tempo reale, fornendo informazioni sulla situazione economica corrente.

Per esempio, un indicatore coincidente può essere creato misurando le ore di lavoro di un gruppo di impiegati o il tasso di produzione di un particolare settore industriale, come quello manifatturiero o quello minerario.

E' importante ricordare, però, che le definizioni di indicatori leading, lagging e coincidenti non sono sempre chiarissime. Alcuni indicatori potrebbero ricadere in categorie diverse a seconda del metodo e del contesto. Questo avviene in particolare nel caso di indicatori economici come il Prodotto Interno Lordo (PIL).

Tradizionalmente, il PIL è considerato un indicatore lagging in quanto viene calcolato in base a dati storici. In alcuni casi, però, potrebbe riflettere cambiamenti economici quasi istantanei, caratteristica che lo rende un indicatore coincidente.


Utilizzi in analisi tecnica

Come già menzionato, gli indicatori economici fanno anche parte dei mercati finanziari. Molti trader e analisti utilizzano strumenti di analisi tecnica che possono essere definiti come indicatori leading o lagging.

In sostanza, gli indicatori TA leading forniscono qualche tipo di informazione predittiva. In genere si basano su prezzi di mercato e volume di trading. Questo significa che possono indicare movimenti di mercato che hanno buona probabilità di verificarsi nel prossimo futuro. Tuttavia, come ogni indicatore, non sono sempre accurati.

Esempi di indicatori leading utilizzati nell'analisi tecnica includono il Relative Strength Index (RSI) e lo RSI Stocastico. In un certo senso, anche le candele possono essere considerate come un tipo di indicatore leading a causa dei modelli che creano. In pratica, questi modelli possono fornire informazioni su eventi di mercato futuri.

Invece, gli indicatori TA lagging si basano su dati precedenti, fornendo ai trader informazioni su quello che è già accaduto. Nonostante questo, possono comunque essere utili per identificare l'inizio di nuovi trend di mercato. Per esempio, quando un trend rialzista termina, e il prezzo scende al di sotto di una media mobile, questo potrebbe indicare potenzialmente l'inizio di un trend ribassista.

In alcuni casi, i due tipi di indicatori possono essere presenti in un singolo sistema grafico. La Ichimoku Cloud, per esempio, è composta da indicatori sia leading che lagging.

Quando utilizzati per l'analisi tecnica, entrambi gli indicatori leading e lagging hanno i loro vantaggi e svantaggi. Prevedendo trend futuri, gli indicatori leading sembrano offrire le migliori opportunità per i trader. Il problema, però, è che gli indicatori leading spesso producono segnali ingannevoli.

Invece, gli indicatori lagging tendono ad essere più affidabili dato che sono chiaramente definiti da dati di mercato precedenti. L'evidente svantaggio degli indicatori lagging, però, è la loro reazione ritardata ai movimenti di mercato. In alcuni casi, i segnali potrebbero arrivare al trader relativamente in ritardo per aprire una posizione favorevole, risultando in potenziali profitti più bassi.


Utilizzi in macroeconomia

Oltre alla loro utilità nel valutare i trend dei prezzi di mercato, gli indicatori possono essere usati anche per analizzare trend macroeconomici. Gli indicatori economici sono diversi da quelli usati per l'analisi tecnica, ma possono comunque essere classificati in linea di massima tra le varietà leading e lagging.

Oltre agli esempi già citati, altri indicatori economici leading includono le vendite al dettaglio, i prezzi immobiliari e i livelli di attività produttiva. In generale, si presume che questi indicatori spingano l'attività economica, o per lo meno forniscono informazioni predittive. 

Altri due esempi classici di indicatori macroeconomici lagging includono i tassi di disoccupazione e di inflazione. Insieme al PIL e all'IPC, questi vengono utilizzati comunemente per confrontare i livelli di sviluppo di diversi paesi - o per esaminare la crescita di una nazione rispetto agli anni e ai decenni precedenti.


In chiusura

Che siano utilizzati in analisi tecnica o in macroeconomia, gli indicatori leading e lagging svolgono un ruolo importante in molte forme di studi finanziari. Facilitano l'interpretazione di diversi tipi di dati, spesso combinando più concetti in un unico strumento.

Questi indicatori possono prevedere trend futuri o confermare quelli già in corso. Inoltre, sono utili anche nella valutazione delle prestazioni economiche di un paese, che sia questa in relazione agli anni precedenti o ad altri paesi.

Loading