Le Medie Mobili Spiegate

09.12.2018

L’analisi tecnica (TA) non è una novità nel mondo del trading e degli investimenti. Da portafogli tradizionali a criptovalute come Bitcoin e Ethereum, l’utilizzo di indicatori TA ha un semplice obiettivo: sfruttare dati esistenti per prendere decisioni più informate che porteranno probabilmente ai risultati desiderati. Man mano che i mercati diventano più complessi, gli ultimi decenni hanno prodotto centinaia di diverse tipologie di indicatori TA, ma pochi di questi sono popolari e diffusi come le medie mobili (MA).

Sebbene ci siano diverse variazioni delle medie mobili, il loro obiettivo di base è portare chiarezza nei grafici di trading. A tal fine, le medie mobili smussano le informazioni az disposizione per creare un indicatore di tendenze facilmente decifrabile. Dato che si basano su dati passati, sono considerate indicatori lagging o trend following. Ad ogni modo, sono molto utili per eliminare la confusione e aiutano a determinare quale sarà la prossima direzione del mercato.


Diversi Tipi di Medie Mobili

Ci sono diversi tipi di medie mobili che possono essere usate dai trader non solo per day trading e swing trading ma anche per strategie a lungo termine. Nonostante le varie tipologie, le MA sono in genere divise in due categorie separate: medie mobili semplici (SMA) e medie mobili esponenziali (EMA). A seconda del mercato e del risultato desiderato, i trader possono scegliere quale indicatore è più adatto per la propria strategia.


La Media Mobile Semplice

La SMA prende dati da un determinato periodo e produce il prezzo medio dell’asset. La differenza tra una SMA e una media di base dei prezzi passati è il fatto che  con la SMA, non appena viene inserito un nuovo set di dati, quello vecchio viene ignorato. Quindi, se la media mobile semplice calcola la media basandosi sui dati di 10 giorni, l’intero set di dati viene aggiornato costantemente per includere gli ultimi 10 giorni.

E’ importante notare che tutti i dati inseriti in una SMA hanno uguale peso, a prescindere di quanto sono recenti. Alcuni trader credono che i dati più recenti abbiano più importanza e che l’uguale peso della SMA sia dannoso per l’analisi tecnica. La media mobile esponenziale è stata creata per affrontare questo problema.


La Media Mobile Esponenziale

Le EMA sono simili alle SMA in quanto forniscono analisi tecnica basata su movimenti del prezzo passati. Tuttavia, l’equazione è più complicata perché una EMA assegna più peso e valore agli input di prezzo più recenti. Nonostante entrambe le medie siano valide e vengano usate ampiamente, la EMA è più sensibile a inversioni e fluttuazioni di prezzo improvvise.

Dato che le EMA hanno maggiori probabilità di prevedere inversioni più velocemente delle SMA, sono spesso favorite dai trader con strategie a breve termine. E’ importante per un trader o un investitore scegliere il tipo di media mobile più adatta ai propri obiettivi e strategie, regolando le impostazioni di conseguenza.


Come Usare le Medie Mobili

Le MA utilizzano prezzi passati invece dei prezzi attuali, quindi hanno un certo periodo di ritardo. Più espansivo il set di dati, più grande il ritardo. Per esempio, una media mobile che analizza gli ultimi 100 giorni reagirà a nuove informazioni più lentamente di una MA che considera solo gli ultimi 10 giorni. Questo è dovuto al semplice fatto che un nuovi input in un set di dati più grande avrà un effetto più piccolo sul numero complessivo.

Entrambi i casi possono essere vantaggiosi a seconda della strategia di trading. Set di dati più grandi favoriscono gli investitori a lungo termine, in quanto hanno meno probabilità di essere modificati fortemente da una o due forti fluttuazioni. I trader a breve termine preferiscono un set di dati più piccolo che consente un trading più reazionario.

All’interno dei mercati tradizionali, le MA di 50, 100 e 200 giorni sono le più usate. Le medie mobili a 50 giorni e a 200 giorni vengono seguite attentamente dagli operatori di borsa e qualsiasi passaggio al di sopra o al di sotto di queste linee è solitamente considerato un importante segnale di trading, soprattutto quando seguito da crossover. Lo stesso vale per il trading di criptovalute, anche se a causa dei suoi mercati volatili 24/7, le impostazioni delle MA e la strategia di trading può variare a seconda del profilo di ciascun trader.


Segnali di Crossover

Naturalmente, una MA crescente suggerisce una tendenza al rialzo e una MA decrescente indica una tendenza al ribasso. Tuttavia, una media mobile da sola non costituisce un indicatore davvero affidabile e forte. Di conseguenza, le MA vengono usate in combinazione per individuare segnali di crossover bullish e bearish.

Un segnale di crossover si crea quando due diverse MA si attraversano in un grafico. Un crossover bullish (detto anche golden cross) avviene quando la MA a breve termine attraversa quella a lungo termine verso l’alto, suggerendo l’inizio di una tendenza al rialzo. Al contrario, un crossover bearish (o death cross) avviene quando una MA a breve termine attraversa quella a lungo termine verso il basso, indicando l’inizio di una tendenza al ribasso.


Altri Fattori da Considerare

Gli esempi indicati finora hanno preso in considerazione giorni, ma questo non è un requisito necessario per le MA. Per il day trading potrebbe essere interessante esaminare come un asset si è mosso nelle ultime due o tre ore, non due o tre mesi. Diversi intervalli di tempo possono essere inseriti nelle equazioni usate per calcolare le medie mobili, e fintanto che questi intervalli sono coerenti con la strategia di trading, i dati possono essere utili.

Un importante aspetto negativo delle MA è il loro ritardo. Dato che le MA sono indicatori lagging che considerano movimenti del prezzo precedenti, spesso i segnali vengono prodotti troppo tardi. Per esempio, un crossover bullish potrebbe suggerire di comprare, ma avviene solo dopo un notevole aumento del prezzo. Questo significa che, anche se la tendenza al rialzo continua, si potrebbe perdere un potenziale guadagno nel periodo tra l’aumento del prezzo e il segnale di crossover. O peggio ancora, un finto segnale golden cross potrebbe portare il trader a comprare il local top appena prima di un calo dei prezzi (questi finti segnali d’acquisto vengono spesso indicati con il termine bull trap).

Le Medie Mobili sono indicatori TA tra i più validi e diffusi. L’abilità di analizzare le tendenze di mercato valutando i dati a disposizione offre un’ottima comprensione dei movimenti di mercato. Tuttavia, tieni presente che le MA e i segnali di crossover non dovrebbero essere utilizzati da soli ed è sempre più sicuro combinare diversi indicatori TA per evitare finti segnali.

Loading