Le Linee di Tendenza Spiegate

Condividi
Copied to clipboard!
Le Linee di Tendenza Spiegate
Ascolta questo articolo
00:00 / 00:00

Cosa sono le linee di tendenza?

Nel contesto dei mercati finanziari, le linee di tendenza (o trendline) sono linee diagonali tracciate su grafici. Collegano punti specifici, consentendo agli analisti e ai trader di visualizzare più facilmente i movimenti dei prezzi e identificare tendenze di mercato. Le linee di tendenza sono considerate uno degli strumenti più elementari nell'analisi tecnica (TA).

Sono ampiamente utilizzate nei mercati azionari, forex, dei derivati e delle criptovalute. Essenzialmente, le linee di tendenza agiscono da livelli di supporto e resistenza ma sono formate da diagonali invece di linee orizzontali. Per questo, possono avere un'inclinazione positiva o negativa. In generale, maggiore è l'inclinazione della linea, più forte è la tendenza.

Possiamo dividere le linee di tendenza in due categorie di base: rialzista (uptrend line) e ribassista (downtrend line). Come suggerisce il nome, una linea rialzista viene tracciata da una posizione più bassa a una più alta nel grafico. Collega due o più punti di minimo, come illustrato nell'immagine qui sotto.


Le Linee di Tendenza Spiegate


Al contrario, una linea ribassista viene tracciata da una posizione più alta a una più bassa nel grafico. Collega due o più punti di massimo.


Le Linee di Tendenza Spiegate


Riassumendo, la differenza tra questi due tipi di linee è la selezione die punti usati per disegnarle. In una tendenza rialzista, le linee vengono tracciate usando i punti più bassi nel grafico (punti di minimo tra loro crescenti). Invece, una linea di tendenza ribassista viene tracciata usando i valori più alti (punti di massimo tra loro decrescenti).


Come usare le linee di tendenza

Basandosi sui massimi e sui minimi di un grafico, le linee di tendenza indicano i punti in cui il prezzo ha cercato di opporsi alla tendenza predominante, per poi tornare in suo favore. La linea può quindi essere estesa per cercare di prevedere livelli importanti nel futuro. Fincè la linea di tendenza non viene infranta, è considerata valida.

Anche se le linee di tendenza possono essere usate su qualsiasi tipo di grafico di dati, in genere si basano su prezzi di mercato. Questo significa che possono fornire informazioni anche sulla domanda e sull'offerta del mercato. Naturalmente, le linee di tendenza rialziste indicano una forza d'acquisto in aumento (la domanda è maggiore dell'offerta). Le linee di tendenza ribassiste sono associate a cali del prezzo consistenti, suggerendo il contrario (l'offerta è maggiore della domanda).

Tuttavia, anche il volume di trading andrebbe considerato in queste analisi. Per esempio, se il prezzo è in aumento, ma il volume diminuisce o è relativamente basso, potrebbe dare una falsa impressione di maggiore domanda.

Come già menzionato, le linee di tendenza vengono usate per identificare livelli di  supporto e resistenza, due concetti elementari ma molto importanti dell'analisi tecnica. Una linea rialzista mostra i livelli di supporto al di sotto dei quali è improbabile che il prezzo scenda. Al contrario, la linea ribassista evidenzia i livelli di resistenza al di sopra dei quali è improbabile che il prezzo salga.

In altre parole, la tendenza di mercato può essere considerata non valida quando i livelli di supporto e resistenza vengono infranti, verso il basso (per una linea rialzista) o verso l'alto (per una linea ribassista). In molti casi, quando questi livelli chiave non riescono a mantenere il trend, il mercato tende a cambiare direzione.

Comunque, l'analisi tecnica è un campo soggettivo, e ogni persona potrebbe presentare un metodo completamente diverso per tracciare le linee di tendenza. Quindi, potrebbe essere utile combinare diverse tecniche di TA, oltre all'analisi fondamentale per ridurre i rischi.


Tracciare linee di tendenza valide

Anche se le linee di tendenza possono tecnicamente collegare due punti qualsiasi in un grafico, la maggior parte degli analisti conviene che usare tre o più punti è ciò che rende una linea di tendenza valida. In alcuni casi, i primi due punti possono essere usati per definire una potenziale tendenza, e il terzo punto (esteso nel futuro) può essere usato per testarne la validità.

Quindi, quando il prezzo tocca la linea di tendenza tre o più volte senza spezzarla, la tendenza può essere considerata valida. Testare la linea di tendenza diverse volte suggerisce che il trend non sia una semplice coincidenza causata dalle fluttuazioni del prezzo.


Impostazioni di scala

Oltre a scegliere punti sufficienti per creare una linea di tendenza valida, è importante considerare le impostazioni giuste quando si disegnano. Tra le impostazioni del grafico più importanti troviamo le impostazioni di scala.

Nei grafici finanziari, la scala si riferisce al modo in cui viene visualizzato il cambiamento nel prezzo. Le due scale più conosciute sono quella aritmetica e quella semi-logaritmica (semi-log). In un grafico aritmetico, il cambiamento appare in modo uniforme man mano che il prezzo si sposta verso l'alto o verso il basso sull'asse Y. I grafici semi-log esprimono le variazioni in termini di percentuale. 

Per esempio, una variazione del prezzo da $5 a $10 coprirebbe la stessa distanza su un grafico aritmetico di una variazione da $120 a $125. In un grafico semi-log, invece, l'aumento del 100% (da $5 a $10) occuperebbe una porzione molto più grande del grafico rispetto all'aumento del 4% causato dal passaggio da $120 a $125.

E' importante considerare le impostazioni di scala quando si disegnano linee di tendenza. Ogni tipo di grafico potrebbe mostrare massimi e minimi diversi e, di conseguenza, linee di tendenza leggermente differenti.


In chiusura

Nonostante siano strumenti utili per l'analisi tecnica, le linee di tendenza sono tutt'altro che infallibili. La scelta dei punti utilizzati per tracciare le linee di tendenza influenzerà la misura in cui rappresentano accuratamente trend reali, rendendole piuttosto soggettive. 

Per esempio, alcuni analisti tracciano linee di tendenza basate sul corpo delle candele, ignorando le ombre. Altri preferiscono disegnare linee seguendo i massimi e i minimi delle ombre. 

Quindi, è importante utilizzare le linee di tendenza in combinazione con altri strumenti e indicatori tecnici. Esempi significativi di altri indicatori TA includono Ichimoku Cloud, Bande di Bollinger(BB), MACD, RSI Stocastico, RSI, e medie mobili.

Loading