Che Cos'è una ICO (Initial Coin Offering)?

Condividi
Copied to clipboard!
Che Cos'è una ICO (Initial Coin Offering)?
Ascolta questo articolo
00:00 / 00:00

Una Initial Coin Offering (ICO) è un metodo di raccolta fondi attraverso l’uso di criptovalute. Viene impiegato soprattutto per progetti che non hanno ancora sviluppato del tutto la propria piattaforma blockchain, il proprio prodotto o servizio. Il pagamento viene in genere effettuato con  Bitcoin o Ethereum, ma in alcuni casi vengono anche accettate valute fiat.

Gli investitori partecipano alle Initial Coin Offerings con la speranza che la società abbia successo, aumentando la domanda e causando un incremento di valore nei token sottostanti. In altre parole, sperano di ottenere un buon ritorno sull’investimento (ROI) come primi sostenitori di questo particolare progetto nel campo delle criptovalute.


Come Funziona una ICO?

Le ICO vengono spesso paragonate alle IPO (Initial Public Offering). Tuttavia, questo confronto è piuttosto ingannevole. Solitamente, le IPO vengono utilizzate da imprese consolidate che vendono quote di proprietà parziale per raccogliere fondi. Invece, le ICO sono principalmente applicate come meccanismo di raccolta fondi che consente alle attività di ottenere capitale per il proprio progetto nelle sue prime fasi, e gli investitori che acquistano token non stanno acquisendo alcuna proprietà nell’impresa.

In genere, i token distribuiti nelle ICO sono creati sulla blockchain di Ethereum, secondo lo standard token ERC-20, e vengono quindi chiamati token ERC-20. Oltre a Ethereum, ci sono altre piattaforme che supportano la creazione ed emissione di token digitali (ad es. Stellar, NEM, NEO e Waves). Al contrario, spesso le compagnie che hanno già una blockchain funzionante scelgono di emettere gli asset digitali sulla propria piattaforma.

Prendendo come esempio i token ERC-20, una compagnia potrebbe usare smart contract Ethereum per creare ed emettere il proprio token digitale. Il protocollo ERC-20 definisce un insieme di regole che la compagnia deve seguire per poter emettere un token sulla blockchain di Ethereum, e lo smart contract garantisce che queste regole vengano seguite in modo trustless.

Una volta che i fondatori della start-up hanno creato il proprio token, devono convincere investitori che sostengano il progetto partecipando alla ICO. A questo scopo viene creata una whitepaper che descrive gli obiettivi della compagnia e il modo in cui il nuovo ecosistema dovrebbe operare. I fondatori potrebbero abbinare questo documento con un sito web che offre maggiori informazioni sulle persone coinvolte nella ICO e sul motivo per cui credono nel successo del progetto.


Perché le Compagnie Utilizzano le ICO?

Una ICO può essere un metodo molto efficace per la raccolta di venture capital e finanziamenti. Per le start-up, consente di ricevere fondi basandosi su un’idea, che potrebbe o meno essere stata testata sul mercato. Molte di queste piccole imprese non consolidate non riuscirebbero probabilmente a raccogliere fondi in altro modo. Le istituzioni finanziarie tradizionali non presterebbero capitale d’avvio solo sulla base di una whitepaper, soprattutto nel campo delle cripto, dove la mancanza di regolazione ha causato riluttanza da parte di queste istituzioni.

Nonostante nuove imprese e start-up rappresentino la maggior parte delle ICO, le cose stanno cambiando. Alcune compagnie consolidate stanno iniziando a riconoscere il valore delle ICO e le potenzialità della decentralizzazione offerta dalle criptovalute. Alcune di queste hanno organizzato ICO per lanciare nuovi progetti su un sistema basato sulla blockchain al fine di raccogliere capitali o decentralizzare la propria attività. Questa pratica viene chiamata “ICO inversa.”


Chiunque può Fare una ICO?

La risposta breve è sì. Con la giusta guida, quasi chiunque potrebbe sviluppare un token e scrivere una whitepaper che descrive la sua eventuale applicazione. Ma la compagnia o gli individui che lo fanno devono creare un progetto blockchain valido. Questo richiede conoscenze, abilità ed esperienza che non tutti possiedono. E’ inoltre necessario attenersi alla complessa rete di normative e regolamentazioni che variano da una giurisdizione all’altra e che potrebbero presto essere modificate in risposta alla crescente popolarità delle ICO.

Per organizzare una ICO di successo, l’impresa dovrebbe essere solida e sostenuta da prove concrete di come il progetto o l’idea funzionerà, per quale motivo è valido, in cosa consiste, chi ne ha bisogno e come può essere sviluppato. Vendere l’idea e convincere investitori a comprare è un’altra fase critica verso risultati positivi.


Regolamentazione delle ICO

Il crescente numero di crowdfunding ICO ha attirato l’attenzione di autorità normative da tutto il mondo, e la regolamentazione è un tema scottante nella comunità delle criptovalute. All’interno degli USA, la SEC (US Securities and Exchange Commission) e la CFTC (Commodity Futures Trading Commission) sono due istituzioni di regolamentazione che stanno discutendo riguardo al quadro normativo per ICO e criptovalute.

La regolamentazione del settore ICO è ancora nelle sue fasi iniziali, e non c’è uniformità tra paesi diversi. Da una parte, troppa regolamentazione rischia di ostacolare la crescita e lo sviluppo del settore emergente che sono le criptovalute e la tecnologia blockchain. Dall’altra, c’è chi sostiene che la regolamentazione porterebbe una maggiore legittimità allo spazio, alleviando le paure delle istituzioni finanziarie tradizionali che sono state finora riluttanti nei suoi confronti. Una via di mezzo, un approccio bilanciato è preferito da chi crede che l’ecosistema delle cripto non dovrebbe essere uno “wild west” finanziario ma allo stesso tempo con sufficiente libertà per operare al di fuori dei confini del sistema finanziario tradizionale.

Mentre alcune giurisdizioni - come Cina e Corea del Sud - hanno dichiarato illegali tutte le ICO, la SEC americana ha pubblicato un comunicato dettagliato sul tema, raccomandando ai potenziali investitori di applicare la dovuta diligenza prima di impegnarsi in nuovi investimenti. La SEC ha inoltre comunicato che alcune ICO potrebbe qualificarsi come security, e come tali sono soggette alle relative normative federali.


Che Importanza Hanno?

Le ICO utilizzano criptovalute come strumento di finanziamento primario e, per questo, offrono una nuova strada per gli individui e le imprese innovative che vogliono agire in maniera diversa. L’ecosistema delle cripto sta attirando sempre più attenzione grazie ai grandi capitali raccolti da start-up blockchain. Nonostante questo, il metodo ICO potrebbe portare a risultati sia favorevoli che non. Mentre le truffe e i grandi fallimenti pubblici hanno un impatto negativo sulla reputazione delle criptovalute, le attività di successo portano al settore una maggiore autenticità agli occhi del pubblico.

I token ICO che vedono affidabilità e adozione diffusa potrebbero eliminare parte delle incertezze che allontanano istituzioni e consumatori dal settore delle criptovalute. Anche se questo nuovo metodo d’investimento ha ancora dei problemi da risolvere, è considerato da molti una valida alternativa alle modalità di raccolta fondi tradizionali e potrebbe diventare in futuro un approccio convincente per diverse compagnie.

Loading