Cos'è la Riserva Frazionaria?

Condividi
Cos'è la Riserva Frazionaria?
Ascolta questo articolo
00:00 / 00:00

La riserva frazionaria è un sistema bancario che consente alle banche commerciali di trarre profitto prestando parte dei depositi dei propri clienti, conservando solo una piccola parte di tali depositi come denaro reale disponibile per il prelievo. In termini pratici, questo sistema bancario crea denaro dal nulla usando una percentuale dei depositi bancari dei clienti.

In altre parole, queste banche hanno l’obbligo di conservare una minima percentuale (una frazione) dei fondi depositati nei loro conti finanziari, quindi possono concedere prestiti usando il resto del denaro. Quando una banca concede un prestito, sia quest’ultima che il ricevente contano i fondi come asset, raddoppiando la somma originale, in senso economico. Questo credito viene quindi riutilizzato, reinvestito e ri-prestato diverse volte, portando quindi all’effetto moltiplicatore. Attraverso questo processo il sistema bancario a riserva frazionaria “crea nuova moneta”.

Prestiti e debito sono integrali al sistema della riserva frazionaria, e spesso necessitano l’introduzione di nuova moneta in circolazione da parte di una banca centrale, in modo da consentire alle banche commerciali di garantire i prelievi. Gran parte delle banche centrali agiscono anche da enti regolatori che determinano, tra altre cose, le riserve obbligatorie. Tale sistema bancario viene usato dalla stragrande maggioranza delle istituzioni finanziarie, diffuso negli Stati Uniti e in molti altri paesi favorevoli al libero commercio.


La Creazione dei Sistemi Bancari a Riserva Frazionaria

Il sistema bancario a riserva frazionaria è stato creato intorno al 1668 con l’istituzione della banca svedese (Sveriges) Riksbank come la prima banca centrale al mondo - sebbene altre forme primitive di riserva frazionaria fossero già in uso. L’idea secondo cui i depositi di denaro potessero crescere ed espandersi, stimolando l’economia attraverso nuovi prestiti, divenne rapidamente molto popolare. Il concetto di utilizzare le risorse a disposizione per incoraggiare la spesa, invece di accumularle in una cassaforte, aveva senso.

Dopo che la Svezia prese i provvedimenti necessari per rendere la pratica più ufficiale, la struttura della riserva frazionaria si affermò e si diffuse in fretta. Due banche centrali vennero istituite negli USA, la prima nel 1791 e la seguente nel 1816, ma non durarono a lungo. Nel 1913, il Federal Reserve Act creò la la Federal Reserve Bank americana, che oggi corrisponde alla banca centrale degli Stati Uniti. Gli obiettivi previsti di questa istituzione finanziaria consistono nello stabilizzare, massimizzare e supervisionare l’economia per quanto riguarda prezzi, impiego e tassi d’interesse.


Come funziona?

Quando un cliente deposita denaro nel proprio conto bancario, i soldi non sono più di sua proprietà, almeno non direttamente. Ora appartengono alla banca, la quale, in cambio, concede al cliente un conto di deposito da cui attingere. Questo significa che i clienti della banca dovrebbero avere accesso all’intera somma del proprio deposito su richiesta, secondo le regole e procedure stabilite.

Tuttavia, quando la banca prende possesso dei soldi depositati, non mantiene l’intera somma. Invece, viene conservata una piccola percentuale del deposito (una riserva frazionaria). L’importo di questa riserva oscilla in genere dal 3% al 10% e il resto del denaro viene usato per concedere prestiti ad altri clienti.


Considera il modo in cui questi prestiti creano nuova moneta con questo esempio semplificato:

  1. Cliente A deposita $50,000 in Banca 1. Banca 1 presta a Cliente B $45,000
  2. Cliente B deposita $45,000 in Banca 2. Banca 2 presta a Cliente C $40,500
  3. Cliente C deposita $40,500 in Banca 3. Banca 3 presta a Cliente D $36,450
  4. Cliente D deposita $36,450 in Banca 4. Banca 4 presta a Cliente E $32,805
  5. Cliente E deposita $32,805 in Banca 5. Banca 5 presta a Cliente F $29,525

Con una riserva obbligatoria del 10%, il deposito originale di $50,000 è cresciuto fino a $234,280 in bilancio totale disponibile, la somma dei depositi di tutti i clienti. Sebbene questo sia un esempio molto semplificato sul processo attraverso cui il sistema bancario a riserva frazionaria genera moneta tramite l’effetto moltiplicatore, ne dimostra l’idea di base.

Il processo si basa sul capitale del debito. I conti di deposito rappresentano fondi che le banche devono ai propri clienti (passività) e i prestiti con interessi offrono i migliori profitti per le banche e sono un loro asset. Per farla semplice, le banche guadagnano generando più asset, conti di prestito, che passività, conti di deposito.


Cosa Succede in caso di Corse agli Sportelli?

E se tutti quelli che detengono depositi in una certa banca decidono di presentarsi e prelevare tutti i propri fondi? Questo scenario è conosciuto come corsa agli sportelli. Dato che la banca è obbligata a mantenere solo una piccola frazione dei depositi dei propri clienti, questa eventualità ha molte probabilità di portare la banca al fallimento a causa della sua incapacità di onorare i propri obblighi finanziari.

Per fare in modo che il sistema bancario a riserva frazionaria funzioni, è fondamentale che i depositanti non si presentino per prelevare o accedano alle somme depositate tutti contemporaneamente. Sebbene in passato si siano verificate corse agli sportelli, questo comportamento è inusuale. In genere, i clienti cercano di recuperare tutti i propri soldi solo se credono che la banca sia in serio pericolo.

Negli Stati Uniti, la Grande Depressione è un celebre esempio della devastazione che un prelievo massiccio può causare. Attualmente, le riserve mantenute dalle banche rappresentano uno dei metodi usati per minimizzare le probabilità che ciò succeda di nuovo. Alcune banche conservano una riserva più grande del minimo obbligatorio per soddisfare meglio le esigenze dei clienti e fornire accesso ai fondi del loro conto di deposito.


Vantaggi e Svantaggi della Riserva Frazionaria

Sebbene le banche godano di gran parte dei vantaggi di questo sistema altamente redditizio, una minima parte raggiunge i clienti quando ottengono interessi sui propri conti di deposito. Anche i governi fanno parte dello schema e spesso difendono i sistemi bancari a riserva frazionaria per la loro capacità di incoraggiare la spesa e fornire stabilità e crescita economica.

Per contro, molti economisti credono che lo schema della riserva frazionaria sia insostenibile e molto rischioso - soprattutto considerando che l’attuale sistema monetario, implementato dalla maggioranza dei paesi, si basa in effetti su credito/debito e non su soldi veri. Il sistema economico che abbiamo si basa sulla premessa che la gente si fidi delle banche e della moneta fiat, stabilita come moneta a corso legale dai governi.


Riserva Frazionaria e Criptovalute

Contrariamente al sistema tradizionale della moneta fiat, Bitcoin è stato creato come una moneta digitale decentralizzata, dando vita a un quadro economico alternativo che opera in modo del tutto diverso.

Come gran parte delle criptovalute, Bitcoin è mantenuto da un network di nodi distribuito. Tutti i dati sono protetti da tecniche crittografiche e registrati su un registro pubblico distribuito chiamato blockchain. Questo significa che non è necessaria una banca centrale e non esiste un’autorità in carica.

Inoltre, l’emissione di Bitcoin è limitata per fare in modo che non vengano generate altre monete dopo che la fornitura massima di 21 milioni di unità è stata raggiunta. Di conseguenza, il contesto è totalmente diverso e la riserva frazionaria non può esistere nel mondo di Bitcoin e delle criptovalute.

Loading