Cos'è il Trading con Margine?

Condividi
Cos'è il Trading con Margine?
Ascolta questo articolo
00:00 / 00:00

Il trading con margine è un metodo utilizzato nel trading di asset che utilizza fondi forniti da una terza parte. Paragonati ai conti di trading regolari, i conti con margine consentono ai trader di accedere a somme di capitale più grandi, permettendo di conseguenza di aumentare il valore delle loro posizioni. In parole povere, il trading con margine amplifica i risultati di trading in modo che i trader possano realizzare profitti maggiori sulle operazioni a buon fine. Questa possibilità di espandere i risultati del trading rende il trading con margine particolarmente popolare nei mercati a bassa volatilità, come il mercato Forex internazionale. Comunque, il trading con margine viene usato anche nei mercati azionari, delle merci e delle criptovalute.

Nei mercati tradizionali, i fondi presi in prestito vengono generalmente forniti da un broker d’investimento. Nel trading di criptovalute, invece, i fondi vengono messi a disposizione da altri trader, i quali guadagnano interessi in base alla domanda di mercato per fondi di margine. Inoltre, alcuni exchange di criptovalute forniscono direttamente fondi di margine ai propri utenti.


Come funziona il trading con margine?

Quando viene aperta una posizione con margine, il trader è tenuto a impegnare una percentuale del valore totale dell’ordine. Questo investimento iniziale è conosciuto come margine, ed è strettamente legato al concetto di leva finanziaria. In altre parole, i conti di trading con margine vengono usati per creare trading con leva, e la leva descrive il rapporto di fondi presi in prestito per il margine. Per esempio, per aprire una posizione di $100,000 con una leva di 10:1, un trader dovrebbe impegnare $10,000 del proprio capitale.

Naturalmente, diversi mercati e piattaforme di trading offrono regole e rapporti di leva distinti. Nel mercato azionario, per esempio, un rapport comune è 2:1, mentre i contratti a termine hanno spesso una leva di 15:1. Per quanto riguarda il brokeraggio Forex, le operazioni con margine hanno spesso una leva con rapporto di 50:1, ma in alcuni casi vengono usati rapporti di 100:1 e 200:1. Nei mercati delle criptovalute, invece, i rapporti variano in genere da 2:1 a 100:1, e la comunità dei trader utilizza spesso la terminologia ‘x’ (2x, 5x, 10x, 50x e così via).

Il trading con margine può essere usato per aprire posizioni lunghe o corte. Una posizione lunga riflette un’ipotesi per cui il prezzo dell’asset salirà, mentre una posizione corta riflette l’opposto. Mentre la posizione è aperta, gli asset del trader agiscono da collaterale per i fondi presi in prestito. E’ fondamentale comprendere questo aspetto, in quanto gran parte dei broker si riserva il diritto di forzare la vendita di questi asset nel caso in cui il mercato si muove contro la loro posizione (al di sopra o al di sotto di un certo limite).

Per esempio, se un trader apre una posizione lunga con leva, il broker potrebbe effettuare una richiesta di margine, margin call, quando il prezzo cade significativamente. Una richiesta di margine avviene quando un trader è tenuto a depositare più fondi nel proprio conto per raggiungere i requisiti minimi per il trading con margine. Se il trader non riesce a farlo, i suoi fondi vengono automaticamente liquidati per coprire le perdite. In genere, questo avviene quando il valore totale di tutti gli asset in un conto con margine, conosciuto anche come margine di liquidazione, scende al di sotto dei requisiti di margine totale dell’exchange o del broker.


Vantaggi e svantaggi

Il vantaggio più evidente del trading con margine è il fatto che può risultare un profitti maggiori grazie a al maggiore valore relativo delle posizioni di trading. Oltre a questo, il trading con margine può essere utile per diversificare, dato che i trader possono aprire diverse posizioni con importi relativamente piccoli di capitale d’investimento. Infine, avere un conto con margine può rendere più facile per i trader aprire posizioni rapidamente senza dover spostare grandi somme di denaro tra i propri conti.

Il rovescio della medaglia del trading con margine, però, è l’ovvio svantaggio dell’aumentare le perdite nello stesso modo con cui può aumentare i profitti. A differenza del normale trading spot, il trading con margine introduce la possibilità di perdite che superano l’investimento iniziale del trader e, come tale, è considerato un metodo di trading ad alto rischio. A seconda della portata della leva utilizzata in un’operazione, anche un minimo movimento del prezzo di mercato può causare perdite considerevoli per i trader. Per questo motivo, è importante che gli investitori che decidono di usare il trading con margine adottino le adeguate strategie di gestione del rischio e utilizzino strumenti per la mitigazione del rischio, come gli ordini stop-limit.


Il trading con margine nei mercati delle criptovalute

Il trading con margine è intrinsecamente più rischioso del trading regolare, ma quando si parla di criptovalute, i rischi sono ancora più grandi. A causa degli alti livelli di volatilità, tipici di questi mercati, i trader di criptovalute che utilizzano margine dovrebbero fare particolare attenzione. Anche se strategie di copertura e gestione del rischio possono essere utili, il trading con margine non è sicuramente adatto per i principianti.

Essere in grado di analizzare grafici, identificare trend e determinare punti di ingresso e uscita non eliminerà i rischi legati al trading con margine, ma potrebbe aiutare ad anticiparli e a fare trading in modo più efficace. Quindi, prima di usare leve sulle proprie operazioni nel mercato delle criptovalute, si raccomanda agli utenti di sviluppare una profonda comprensione dell’analisi tecnica e di acquisire un’estensiva esperienza nel trading spot.


Finanziamento del margine

Per gli investitori che non hanno la tolleranza del rischio necessaria per il trading con margine, c’è un altro modo per guadagnare da questi metodi di trading con leva finanziaria. Alcune piattaforme di trading e exchange di criptovalute offrono una funzionalità conosciuta come finanziamento del margine, margin funding, con cui gli utenti possono usare i propri fondi per finanziare le operazioni con margine di altri utenti.

In genere, il processo segue termini specifici e rende tassi d’interesse dinamici. Se un trader sottoscrive i termini e accetta l’offerta, il fornitore ottiene il diritto di rimborso del prestito, più l’interesse concordato. Anche se i meccanismi possono variare da un exchange all’altro, i rischi nel fornire fondi di margine sono relativamente bassi, grazie al fatto che le posizioni con leva possono essere liquidate forzatamente per prevenire perdite eccessive. Comunque, il finanziamento del margine impone agli utenti di tenere i propri fondi nello wallet dell’exchange. Quindi, è importante considerare i rischi connessi e comprendere come usare questa funzionalità sull’exchange scelto.


In chiusura

Di certo, il trading con margine è uno strumento utile per chi vuole amplificare i profitti delle operazioni a buon fine. Se usato nel modo giusto, il trading con leva finanziaria fornito da conti con margine può aiutare sia nella redditività che nella diversificazione del portafoglio.

Come già detto, però, questo metodo di trading può anche amplificare le perdite e comporta rischi molto più alti. Quindi, dovrebbe essere usato solo da trader altamente qualificati. Per quanto riguarda le criptovalute, il trading con margine andrebbe affrontato ancora più attentamente a causa degli alti livelli di volatilità dei mercati.

Loading