Cos'è Ripple?

Condividi
Ascolta questo articolo
00:00 / 00:00

Conosciuta in precedenza come OpenCoin, Ripple è una società privata che sta creando un network di pagamento e scambio (RippleNet) su un registro database distribuito (XRP Ledger). Lo scopo centrale di Ripple è connettere banche, fornitori di servizi di pagamento e exchange di asset digitali, rendendo possibili pagamenti globali più veloci ed economicamente efficienti.


Storia

Ripple è stato idealizzato nel 2004 da Ryan Fugger, che ha sviluppato il primo prototipo di Ripple come un sistema monetario digitale decentralizzato (RipplePay). Il sistema è stato inaugurato nel 2005 e aveva l’obiettivo di fornire soluzioni di pagamento sicure all’interno di un network globale.

Nel 2012, Fugger ha ceduto il progetto a Jed McCaleb e Chris Larsen, i quali hanno fondato la società tecnologica americana OpenCoin. Da allora, Ripple ha iniziato ad essere sviluppato come un protocollo concentrato sulle soluzioni di pagamento per banche e altre istituzioni finanziarie. Nel 2013, OpenCoin è stata ribattezzata con il marchio Ripple Labs, trasformandosi nel 2015 in Ripple.


XRP Ledger (XRPL)

Basandosi sul lavoro di Fugger e ispirato dalla creazione di Bitcoin, nel 2012 Ripple ha introdotto il Ripple Consensus Ledger (RCL) - insieme alla sua criptovaluta nativa XRP. Il RCL è stato successivamente rinominato XRP Ledger (XRPL).

XRPL agisce da sistema economico distribuito che non solo conserva tutte le informazioni contabili dei partecipanti del network ma offre anche servizi di scambio tra diverse coppie di valute. Ripple presenta XRPL come un registro distribuito open source che consente di effettuare transazioni finanziarie in tempo reale. Queste transazioni sono protette e verificate dai partecipanti del network attraverso un meccanismo di consenso.

Tuttavia, a differenza di Bitcoin, XRP Ledger non si basa su un algoritmo di consenso Proof of Work e, di conseguenza, non si avvale di un processo di mining per verificare le transazioni. Il network raggiunge il consenso attraverso l’uso di un algoritmo di consenso personalizzato - già noto come Ripple Protocol Consensus Algorithm (RPCA).

XRPL è gestito da un network di nodi di convalida indipendenti che confrontano costantemente i propri registri delle operazioni. Chiunque può avviare e gestire un nodo di convalida Ripple e scegliere di quali nodi fidarsi come validatori. Tuttavia, Ripple raccomanda ai suoi clienti di usare una lista di partecipanti identificati e affidabili per convalidare le proprie transazioni. Questa lista è conosciuta come Unique Node List (UNL).

I nodi della UNL trasferiscono dati relativi alle transazioni tra di loro fino a quando tutti concordano sull’attuale stato del registro. In altre parole, le transazioni che vengono accettate da una grande maggioranza di nodi UNL sono considerate valide e il consenso viene raggiunto quando tutti questi nodi aggiungono lo stesso gruppo di transazioni al registro.

Secondo il sito web ufficiale, Ripple è una società privata che ha finanziato lo sviluppo di XRPL come un registro distribuito open source. Questo significa che chiunque può contribuire al codice e che XRPL sarebbe in grado di continuare anche nel caso in cui la compagnia smettesse di esistere.


RippleNet

A differenza di XRPL, RippleNet è esclusivo alla società Ripple ed è stato sviluppato sopra a XRPL come un network di pagamento e di scambio.

RippleNet offre attualmente una suite di 3 prodotti progettata come sistema di pagamento per banche e altre istituzioni finanziarie. RippleNet ha al momento tre prodotti: xRapid, xCurrent, e xVia.


xRapid

In breve, xRapid è una soluzione di liquidità on-demand che utilizza XRP come valuta intermedia tra diverse valute fiat. Sia XRP che xRapid si basano su XRP Ledger, il quale offre tempi di conferma più veloci e tariffe molto più basse rispetto ai metodi convenzionali.

Prendiamo un esempio semplice. Bob è in Australia e vuole inviare $100 a Alice in India. Bob trasferisce i soldi attraverso un’istituzione finanziaria chiamata FIN. Per effettuare la transazioni, FIN usa la soluzione xRapid per creare una connessione con exchange dei paesi di origine e di destinazione. Così facendo, la compagnia è in grado di convertire i $100 di Bob in XRP, fornendo la necessaria liquidità per il pagamento finale. In pochi secondi, gli XRP sono convertiti in Rupie indiane e Alice può prelevare i soldi da un exchange in India.


xCurrent

xCurrent è una soluzione sviluppata per fornire regolamento delle transazioni istantaneo e monitoraggio di pagamenti internazionali tra i membri di RippleNet. A differenza di xRapid, la soluzione xCurrent non si basa su XRP Ledger e non utilizza di default la criptovaluta XRP. xCurrent è costruito su Interledger Protocol (ILP), progettato da Ripple come protocollo per collegare diversi registri o network di pagamento.


Le quattro componenti di base di xCurrent sono:

  1. Messenger - xCurrent messenger fornisce comunicazione peer-to-peer tra istituzioni finanziarie connesse attraverso RippleNet. Viene usato per scambiare informazioni relative a rischio e conformità, tariffe, tassi di cambio, dettagli di pagamento e tempi previsti per l’erogazione di fondi.

  2. Validator - Validator viene usato per confirmare crittograficamente il successo o il fallimento di una transazione, oltre che per coordinare il movimento di fondi nell’Interledger. Le istituzioni finanziarie possono gestire un proprio validatore o fare affidamento su uno di terzi.

  3. ILP Ledger - Interledger Protocol viene implementato all’interno di registri bancari esistenti, creando l’ILP Ledger. L’ILP Ledger funge da sotto-registro e viene usato per tracciare crediti, debiti e liquidità attraverso le parti che effettuano operazioni. I fondi vengono regolati automaticamente, o istantaneamente o per niente.

  4. FX Ticker - FX ticker viene usato per definire i tassi di cambio tra le parti delle transazioni. Monitora lo stato attuale di ciascun ILP Ledger configurato.


Sebbene xCurrent sia stato progettato principalmente per valute fiat, supporta anche transazioni di criptovalute.


xVia

xVia è un’interfaccia standardizzato basato su API che consente a banche e altri fornitori di servizi finanziari di interagire all’interno di una singola struttura - senza dover fare affidamento su varie integrazioni a network di pagamento. xVia permette alle banche di creare pagamenti attraverso altri partner creditizi connessi a RippleNet, e permette anche di allegare fatture o altre informazioni alle transazioni.


Conclusione

Mentre Bitcoin è conosciuto come la priva criptovaluta e Ethereum è famoso per la creazione di una piattaforma per smart contract, possiamo considerare il network Ripple come un sistema di scambio monetario che si concentra su soluzioni di pagamento globali per banche e altre istituzioni finanziarie.

RippleNet può essere implementato sopra l’infrastruttura bancaria esistente come mezzo per complementare e migliorare il sistema di pagamento tradizionale. xCurrent permette di effettuare pagamenti economicamente efficienti e in tempo reale attraverso istituzioni finanziarie, xRapid utilizza XRP come una valuta intermedia per fornire fondi di liquidità on-demand, e xVia facilita l’integrazione e la comunicazione di tutti i partecipanti a RippleNet.

Seguici per nuovi contenuti e dai un’occhiata agli altri video di Binance Academy!

Loading